LAVORO DIRITTI REDDITO. Presidio CGIL davanti alla Prefettura di Alessandria

 

 

 

 

 

 

 

Oggi 27 giugno la CGIL di Alessandria in presidio davanti alla Prefettura

Presidio, ieri pomeriggio (27 giugno) , davanti alla prefettura organizzato da Cgil in occasione dello sciopero nazionale proclamato in concomitanza con la discussione alla Camera della riforma del lavoro.

“Un provvedimento iniquo e inadeguato che non migliora la qualità del lavoro nel nostro Paese”

I nodi alessandrini da sciogliere: la situazione dei conti del Comune e la rivolta dei braccianti a Castelnuovo.

 

 

 

 

In tutto il Paese, le lavoratrici e i lavoratori si fermeranno, contro la decisione del Governo di porre la fiducia sulla riforma del lavoro

Sugli ammortizzatori, come sull’articolo 18,  il Governo impone scelte sbagliate che renderanno il lavoro sempre più povero e precario
Come con la riforma delle pensioni,  si continua a massacrare il lavoro. Ci dicono  in nome dei giovani
In questo modo, si toglie a tutti e ai giovani si nega pure la speranza
Si promette la crescita,  ma il Paese va sempre più giù.  Vuol dire che bisogna cambiare la cura.

IL DDL SUL MERCATO DEL LAVORO È UN PROVVEDIMENTO INIQUO E INADEGUATO, CHE NON MIGLIORA LA QUALITA’ DEL LAVORO NEL NOSTRO PAESE E NON AUMENTERA’ L’OCCUPAZIONE SOPRATTUTTO PER I GIOVANI

COSI’ COME PER LE PENSIONI AVEVAMO DENUNCIATO DA SUBITO L’INIQUITA’ DI QUELLE NORME E IL RISCHIO DI RICADUTE PESANTI E IL GOVERNO, A PARTIRE DAGLI ESODATI, HA DOVUTO FARE MARCIA INDIETRO, ALLO STESSO MODO SUL MERCATO DEL LAVORO DENUNCIAMO LA PERICOLOSITA’ DI QUESTE NORME CHE RISCHIANO DI GENERARE INCERTEZZE SUI DIRITTI E CONTENZIOSI INFINITI. ANCHE SU QUESTO PUNTO SI DOVRA’ RIAPRIRE LA DISCUSSIONE CON LE PARTI SOCIALI.

L’ITALIA NON PUO’ SUBIRE RICATTI STRUMENTALI IN NOME DELL’EUROPA ! LA CGIL CONTINUERÀ LA SUA LOTTA CON QUESTO GOVERNO E CON QUELLI CHE VERRANNO

 

Commenti chiusi